Archivio tag | natura

È primavera! Come prepararsi al cambio di stagione

Con la primavera la natura si risveglia e anche il nostro corpo ha bisogno di prepararsi ad affrontare la bella stagione nel modo migliore per poter stare bene sia dentro che fuori.

Con il cambio di stagione il corpo può andare incontro a fenomeni di “affaticamento”. Questa condizione può essere favorita dal continuo passaggio tra ambiente esterno e interno, spesso surriscaldato, tensioni e stress ma anche dalla poca attività fisica all’aperto che durante i mesi invernali è quasi assente. Ecco che il corpo arranca appesantito e anche l’epidermide, di conseguenza, appare spenta, opaca e disidratata mettendo in evidenza rughe e segni del tempo. Questo periodo è il migliore per depurarsi e prepararsi all’estate nel miglior modo possibile.

Se stiamo bene “dentro” saremo anche più belli fuori!

Per quanto riguarda la pelle in questo periodo si può lavorare per restituire freschezza, tono e luminosità all’incarnato. Il primo intervento consigliato è l’esfoliazione per rimuovere le cellule morte e desquamate, liberare i pori dai detriti cellulari, dalle impurità come lo smog e dagli eccessi di sebo. L’esfoliazione si può fare sul viso e sul corpo e aiuta a mantenere l’auto idratazione cutanea favorendo la microcircolazione.

Per il viso è consigliata anche una pulizia, per far ripartire l’attività cellulare e ridurre le rughe, decongestionare le pelli molto sensibili combattendo i rossori, dinamizzare la pelle stanca e affaticata, ridonare luminosità e splendore al colorito ed infine aumentare il tasso di idratazione.

Il movimento per combattere la stanchezza del cambio di stagione

Fare movimento è un rimedio fondamentale per aiutare il nostro corpo a uscire dal letargo invernale. Il sole è un antidepressivo naturale e non dovrete spendere soldi per la palestra! Dite addio alla vita sedentaria e sfruttate le prime belle giornate per fare una corsa o un po’ di camminata veloce. Basta mezz’ora di allenamento cardio al giorno per aumentare il vostro livello di energia e migliorare l’umore.

Sane abitudini contro la stanchezza primaverile

Per rimediare ai sintomi della stanchezza primaverile, infine, vi basterà prendere le seguenti sane abitudini.

– No agli alcolici e agli snack-spazzatura! I picchi glicemici dovuti allo zucchero vi faranno sentire energiche sul momento, ma poi vi faranno tornare più stanche di prima.

– Non dimenticate di bere, e anche tanto. L’idratazione è fondamentale per non soffrire più di astenia e stanchezza cronica.

​- Cercate di non andare a letto troppo tardi e, se potete, concedetevi un “power nap”, sonnellino pomeridiano di 20-30 minuti, utilissimo per ricaricare le energie.

Let it Snow! Le 7 mete innevate più belle d’Europa

Febbraio è il periodo migliore per trascorrere qualche giorno in montagna, al di là della passione o meno per gli sport invernali o semplicemente per le passeggiate tra dune di neve fresca. Quali sono le destinazioni più belle tra panorami da mozzare il fiato e monti innevati? Ecco qualche informazione in più sulle mete invernali più belle da visitare in questo periodo…

Zermatt: il monte Cervino, importante icona svizzera, si staglia su questo comune attirandzermatto visitatori sin dagli anni ’60 del XIX secolo. Gradevole paese privo di auto e caratterizzato da antiquati chalet marroni e viuzze tortuose. La stagione sciistica in questa regione spesso dura fino all’inizio dell’estate, quando sci e snowboard lasciano il passo a escursioni in alta quota.

Verbier: non è la cittadina svizzera più affascinante ma richiama ogni anno atleti di livello mondiale grazie alla fama e la bellezza delle sue piste. Chi è alle prime armi farà fatica ma l’abbondanza di piste rosse e nere alletta i più esperti. Per chi ama il brivido è possibile cimentarsi in snowboard, parapendio, deltaplano, elisci e slittino.

St. Anton: la località austriaca è una delle stazioni sciistiche più celebri del Tirolo. Ideale per gli sciatori più esperti, offre una delle scene a margine delle piste più animate della regione di Arlberg con le vette di Valluga, Kapall e Schindler che offrono piste con un dislivello di 1,6 km. In particolare Schindlerkar e Mattun sono percorsi più impervi che ben si addicono agli atleti più esperti.

St._MoritzSt. Moritz: nata in origine come meta estiva, il comune svizzero è punto di ritrovo per personalità delle scene internazionali che sfoggiano sulla neve capi e accessori all’ultima moda. Centinaia di chilometri di piste da sci e un lago ghiacciato formano gli impianti sportivi più popolari della zona mentre per una coccola di benessere si può provare una delle sorgenti minerali della città. 

Courchevel: nel cuore delle Alpi Francesi, offre una scelta di oltre cento piste. Alcune sono costellate di gobbe e dunque popolari per praticare snowboard e motoslitta. Gli sciatori di ogni livello troveranno qui la pista più adatta a loro.

Val Thorens: questa stazione sciistica francese nasce alla fine degli anni ’60 del secolo scorso dall’immaginazione di Pierre Schnebelen, pianificatore promotore immobiliare che, in un’epoca nella quale lo sviluppo delle stazioni di sport invernali faceva polemica, riuscì ad avviare un progetto allora giudicato faraonico: la costruzione della stazione più alta d’Europa.meribel

Meribel: la località francese si trova all’intersecarsi di Tre Valli ed è l’area sciabile più ampia del mondo, un punto di facile accesso ai 643 km di piste circostanti. A Meribel, l’Altiport è per principianti, mentre Saulire e Tougnète sono di livello variabile e al Mont du Vallon ci sono lunghe e ripide discese spericolate.

Alla scoperta della cromoterapia con OMIA: il VERDE

Il verde è il colore dell’armonia, del benessere, della natura e dell’equilibrio. Nello specchio cromatico è una tonalità neutra che induce naturalmente alla calma e alla serenità.

La filosofia indiana associa il verde della terra e sostiene che questo colore sviluppi le vverdecromoibrazioni armoniche dei nostri pensieri e doni pace ai nostri sensi. Infatti in cromoterapia è usato per riequilibrare gli stati di ansia e di agitazione.

Il verde predispone agli incontri con gli altri, per questo motivo, se vogliamo colorare le pareti di casa, questa tonalità è consigliata nelle stanze della convivialità, dove si ospitano gli amici.

Disintossica e decongestiona l’organismo. A tavola, è indicato per tutti coloro che tendono a mangiare in maniera vorace, infatti aiuta a mantenere un ritmo più lento. E’ molto utile in caso di mal di testa, nevralgie, febbre, gastrite, stanchezza oculare, ipertensione, paranoia, insonnia, ipertiroidismo e nervosismo. A livello cutaneo, è usato in tutte le proliferazioni anomale come verruche e nei. Il verde viene consigliato agli iperattivi che hanno bisogno di recuperare dei ritmi più lenti, alle persone fortemente sotto pressione che necessitano di ricrearsi un proprio spazio ed anche a chi ha bisogno di fare chiarezza interiore, specialmente se “l’ordine” in questione è da fare nella sfera sentimentale.

Il verde porta benefici inerenti agli stati ansiosi, inducendo una serena calma, porta stabilità ed equilibrio sia a livello fisico che mentale.

Inoltre è indicato nei casi di difficoltà respiratorie, disturbi del cuore, gastrite, intossicazione, ipertensione, ipertiroidismo, postumi di interventi chirurgici, stanchezza oculare, stress, bulimia, ipereccitabilità, paranoia, nervosismo.

A tavola via libera a carciofi, asparagi, agretti, basilico, broccoli, cavoli, cetrioli, cicoria, lattuga, rucola, prezzemolo, spinaci, zucchine e kiwi! Ricavano il loro colore dalla clorofilla e sono ricchi di carotenoidi, magnesio, vitamina C, acido folico e luteina, importante per la salute degli occhi.